Due Ascari e una Leonessa a Berlino

polisportiva ascarorovigo

Dopo lo straordinario successo organizzativo ottenuto dalla “Rovigo GAA Rounders International Cup – Trofeo AgoraSport Online” che ha visto il team campione d’Irlanda The Heath GAA trionfare a Rovigo, si torna a parlare di sport gaelici alla vigilia di un altro straordinario evento internazionale che vedrà tre atleti della Polisportiva New Ascaro Rovigo impegnati, il prossimo 22 Settembre in Germania, nelle Finals di football gaelico riservate ai team appartenenti alla regione “Central/East Europe”.

I protagonisti di questa ennesima straordinaria avventura sportiva rispondono ai nomi di Angela Masiero,Donatello Buoso ed Andrea Maestri che si troveranno, ancora una volta, ad essere tra i protagonisti di questo prestigioso appuntamento che vedrà alcune delle migliori squadre di football gaelico del Continente

View original post 365 altre parole

Annunci
Pubblicato in News.

Una giornata no

Padova Gaelic Football

<<Avremo potuto giocare tutto il giorno, anche fino a notte fonda, ma non avremo comunque inquadrato la porta. Oggi abbiamo sbagliato l’impossibile!>> Questo il laconico commento strappato ad un deluso Donatello Buoso all’entrata degli spogliatoi dopo l’ultimo match, giocato e perso con gli Slovak Shamrocks GAA, nel primo appuntamento stagionale con l’East & Central European  Championship giocato allo Stadio “Tre Fontane” di Roma.

Per il nostro Buoso e per i Padova Paddies i segnali che sarebbe stata una giornata no, sono arrivati fin dal primo incontro in programma giocato con gli svizzeri dello Zurich Inneoin GAA e perso con il punteggio di 1 – 04 a 0 – 01. Match equilibrato, ben interpretato dal team veneto che però ha sprecato troppo in fase d’attacco. Tante chiare occasioni da gol gettate al vento in maniera incredibile. La porta elvetica pareva quasi essere stregata. Anche con i Colmcilles di Monaco di Baviera le cose purtroppo non sono andate diversamente ed i 4 punti Continua a leggere

Parte domani la stagione del football gaelico

Con il Torneo organizzato dalla S.S. Lazio Calcio Gaelico allo Stadio “Tre Fontane” di Roma, a distanza di due anni torna in Italia il grande football gaelico. L’ultimo appuntamento internazionale con lo sport che fa impazzire gli irlandesi risale infatti al 9 Aprile 2016 quando, a Rubano (PD), la Polisportiva New Ascaro Rovigo, in collaborazione con il Rugby Roccia e la Polis 4×4, organizzarono la prima tappa stagionale del Campionato East/Central Region GAA Europe (leggi la cronaca). Le cronache del tempo raccontano di un evento straordinario che vide impegnate squadre provenienti da mezza Europa, grande agonismo in campo, molti giocatori e giocatrici dotati di elevato tasso tecnico, tante partite combattute e spettacolari. Una bella vetrina per questo sport appasionante che sabato verrà riproposto nella Città Eterna da dove ripartirà la caccia ai team Vienna Gaels e München Colmcilles, che dovanno difendere i titoli conquistati nella scorsa stagione rispettivamente nel torneo maschile ed in quello riservato alle Ladies. Anche quest’anno sono queste le squadre che partono con i favori del pronostico, anche se dovranno guardarsi le spalle da avversari molto agguerriti, soprattutto Berlino GAA, nel torneo femminile e Praga Hibernians e Berlino GAA in quello maschile anche se su entrambi i tornei incombe, da qualche stagione, Continua a leggere

ALLE ORIGINI DEL FOOTBALL (la mia teoria dei giochi)

Torniamo alle origini del football gaelico e scopriamo come andarono davvero le cose!

Raffaello Franco World

I giochi con la palla hanno un’antica tradizione e sono presenti da secoli nella storia dell’uomo. Abbiamo già visto come l’harpastum dei Romani, derivato dall’harpaston degli antichi Greci, fosse un gioco molto duro utilizzato per allenare i gladiatori e per mantenere attivi i legionari nei rari momenti di tregua tra una campagna militare e l’altra. Proprio alle Legioni viene riconosciuto il merito di aver portato questo rude gioco di palla in ogni angolo dell’Impero e di averlo fatto conoscere alle popolazioni autoctone. Le cronache raccontano di quello che possiamo considerare un vero e proprio test match internazionale ante litteram tra Romani e Britanni, giocato nel 276 d.C. e che vide il partito della popolazione celtica locale imporsi sugli invasori italici a sottolineare il fatto che con quelle indomite genti delle isole britanniche Roma non ebbe e non avrebbe mai avuto vita facile.  Sono comunque pochissimi i documenti storici, arrivati…

View original post 2.395 altre parole

Pubblicato in News.

Ultima uscita del 2017

Da sinistra: Andrea Maestri, Marco Milan, Raffaello Franco ed Andrea Chieregato, i 4 Ascari alla festa dei Paddies

Nel fresco, bagnato e fangoso pomeriggio di sabato 25 Novembre, quattro rapprsentanti dell’Ascaro Rovigo GAA hanno partecipato, come ospiti, alla festa di chiusura della stagione organizzata dai Paddies Padova. Il presidente Franco con Chieregato, Maestri e Milan sono scesi in campo per disputare la partita d’esibizione giocata in famiglia tra i team Paddies White e Paddies Red che ha preceduto l’Irish Party organizzato al Conamara Pub di Padova, party che ha chiuso la stagione patavina 2017 ed un’altra giornata all’insegna dell’amicizia e della promozione del football gaelico, sport che riesce a coinvolgere un numero di persone sempre più crescente in Italia ed in Europa.

A proposito d’Europa, nel pomeriggio di oggi, dal Belgio è giunta la notizia che a Louven, nella tradizionale convention annuale di Gaelic Games Europe, Tony Bass è stato eletto come nuovo chairman del board continentale che gestisce le attività degli sport gaelici al di fuoori dell’Irlanda. Dopo esserne stato per 10 anni il segretario generale, vice presidente dal 2014, Tony Bass oggi ha ricevuto il testimone da Brian Sheehy giunto alla fine del suo secondo mandato consecutivo e di conseguenza non più eleggibile. Tony, amico di vecchia data dell’Ascaro Rovigo GAA, ha sempre contribuito fattivamente allo sviluppo del movimento italiano con varie iniziaive, tenendo personalmente anche il primo corso arbitri svoltosi proprio a Rovigo nel 2013 e dal quale uscirono i primi fischietti italiani. Auguriamo a Mr. Bass un buon lavoro!

FUNalysis

Martedì scorso gli sport gaelici sono sbarcati su Sport Italia grazie a due amici di vecchia data dell’Ascaro Rovigo come Daniela Scalia e Luca Tramontin, straordinari conduttori di FUNalysis, la rubrica settimanale nella quale i due brillanti giornalisti sportivi, autori ed attori nella fiction televisiva Sport Crime, analizzano, anche in chiave ironica, le origini e l’evoluzione degli sport di squadra che oggi arricchiscono i nostri week end. Sport come hockey, rugby (Union e League), cricket e GAA sono protagonisti assoluti della loro analisi “scientifica” e vengono letti sotto chiavi diverse da quella storico-culturale a quella tecnico-tattico-regolamentare nel puro stilie, unico ed inimitabile, Tramontin-Scalia.

Nella puntata dedicata alla Gaelic Games Association si è ovviamente parlato anche di Rovigo e della sua tradizione nella pratica e nella diffusione degli sport gaelici in Italia. Per chi si fosse perso la puntata la riportiamo qui di seguito in formato integrale. Buona visione.

Europa dolceamara per i nostri portacolori

Padova Gaelic Football 2017 – Maastricht (NL) (L’ “Ascaro” Donatello Buoso terzo in ginocchio da destra)

L’edizione 2017 del Croke Park European Gaelic Football Championships è stata la più frequentata delle ultime stagioni. Lo dicono i numeri dell’evento: 6 i campi da gioco usati dagli oltre 700 atleti delle 50 squadre provenienti un po’ da tutta Europa, Russia compresa; 112 gli incontri giocati dalle 8.30 alle 19.15; 10 arbitri internazionali utilizzati; almeno un centinaio i volontari che hanno lavorato alla buona riuscita dell’evento. Una macchina organizzativa complessa che ha funzionato come un orologio, basti infatti pensare che alla fine del torneo il ritardo accumulato sul programma è stato di circa una trentina di minuti!

C’era anche un po’ d’Italia a Maastricht sabato 21 ottobre scorso, un po’ di Nord Est ed un po’ della Capitale, una piccolissima porzione di un Paese nel quale il football gaelico è uno sport di nicchia sconosciuto ai più. Arrivato quasi per caso solo 6 anni fa, in così poco tempo ha saputo comunque ritagliarsi spazi interessanti anche a livello internazionale regalando ai suoi protagonisti davvero tante soddisfazioni. Il “Belpaese” a Maastricht era rappresentato dalle squadre del Padova Gaelic Football e della Continua a leggere